lunedì 19 febbraio 2018

Giovani sentinelle nel Viterbese

Venerdì 6 febbraio le sentinelle sono nel Lazio in provincia di Viterbo: a Ronciglione con l'Istituto Meucci, a Bassano Romano con ragazzi e ragazze delll’Istituto Buratti, mentre altri della Fondazione si sono recati a Viterbo ad attenderci erano i giovanissimi dell’Istituto Pietro Vanni, due gruppi di tre classi terze ciascuno divisi per motivi di spazio.
Per essere puntuali alla prima ora con tutti gli appuntamenti abbiamo dovuto svegliare noi il gallo!
Al Liceo Meucci abbiamo dovuto attendere però i ragazzi in quanto, come oramai succede in molte parti d'Italia, vi è il problema non risolto dei trasporti e nonostante le lezioni inizino alle 8.10 bisogna aspettare le 8.30!
Dopo il saluto della Dirigente, Laura Bonelli, che ha ringraziato la Fondazione per il contributo e l'impegno a sostenere la scuola nel percorso di formazione dei giovani alla cittadinanza, abbiamo aperto l’incontro proprio sottolineando l'impegno per diventare cittadini attivi, consapevoli dei propri diritti e doveri introducendo la nostra carta Costituzionale. Quest'anno ricorre il 70° anniversario, ma vogliamo ricordarla e difenderla ogni giorno come ci ha insegnato Antonino Caponnetto,  e rimarcare come alcuni articoli non sono mai stati applicati a pieno.
Ragazzi e ragazze attenti hanno seguito l’illustrazione delle varie fasi del progetto e nonostante siano partiti in ritardo rispetto alle altre scuole hanno già lavorato con lena e hanno voglia di mettersi in pari con le altre sentinelle e siamo convinti che il 26 marzo saranno in grado di esporre il loro tema per essere protagonisti nel proprio territorio.
Alla campanella della seconda ora, il tempo di spostarsi a Bassano Romano dove ad attenderci 3 nuove classi dell’Istituto Buratti con le loro insegnanti. Con l’aiuto delle slide abbiamo raccontato la vicenda di Antonino Caponnetto, prima come capo del pool antimafia a Palermo e poi del suo impegno civile nell’ultima parte della sua vita, e abbiamo ripreso l’invito a non mettere da parte  Cittadinanza e Costituzione, disciplina abbandonata e che solo con il coraggio e la responsabilità di insegnanti e dirigenti scolastici si può ben sperare che non ritorni nell’oblio come è successo con Educazione Civica! A sostenere insegnanti in questa ostinata resistenza la Fondazione sarà pronta a svegliare galli e animi!
Abbiamo chiesto ai ragazzi se conoscono la Costituzione la risposta è ahinoi in percentuale sempre negativa! Abbiamo discusso con loro dei diritti e dei doveri, di responsabilità e di impegno partendo da un loro bisogno e per questo abbiamo illustrato i dettagli del progetto e le sue tappe, abbiamo invitato ragazzi e ragazze a coinvolgere i propri genitori affinché scoprano il valore della cittadinanza attiva. In conclusione il filmato dei ragazzi dell’Istituto Valle di Padova sull’indifferenza e non voltarsi dall’altra parte ha emozionato tutti e questo fa ben sperare in una loro proposta da discutere il 26 marzo al secondo appuntamento.
All’Istituto comprensivo P. Vanni di Viterbo abbiamo avuto due incontri per poter illustrare la nostra proposta a tutti i ragazzi e le ragazze delle sei classi terze che hanno occupato ogni sedia nello spazio destinato agli incontri.
Abbiamo aperto con il video che racconta la vicenda di Antonino Caponnetto e abbiamo proseguito sottolineando la pericolosità della mafia e le sue trasformazioni che mettono a repentaglio la nostra democrazia e libertà. I rischi delle infiltrazioni criminali sono grandi e per opporvisi è necessario l’impegno di ciascuno, oltre al lavoro delle forze di polizia e dei magistrati nel perseguire i delitti e nel condannare i mafiosi.
Per queste ragioni abbiamo rilanciato la sfida ad essere cittadini attivi e responsabili, attenti ai beni che appartengono a tutti e all’ambiente, solidali e rispettosi degli altri e delle norme e abbiamo lanciato loro la sfida delle giovani sentinelle. Ci auguriamo di averli con noi e di proseguire il percorso intrapreso con questo primo appuntamento.


Editore Domenico Bilotta
Responsabile Nazionale Progetto Scuola

Nessun commento:

Posta un commento