giovedì 8 dicembre 2011

INCONTRO CON IL LICEO ARTISTICO PIERO DELLA FRANCESCA DI AREZZO


INCONTRO CON IL LICEO ARTISTICO PIERO DELLA FRANCESCA


Oggi lunedì 5 dicembre la Fondazione è stata accolta calorosamente degli insegnanti del Liceo Artistico Piero della Francesca di Arezzo, Daria Meazzini ed Agostino Fabbri, veri motori del progetto. Torniamo sempre con molto piacere in questo istituto, per i rapporti ormai familiare istauratisi tra di noi.

Il Prof. Fabbri ha aperto i lavori presentando le due nuove classi, una seconda ed una terza, ed ha ricordato l’importanza dell’impegno comune a perseguire fini sociali cari alla collettività, e ci onora sottolineando che è una grande soddisfazione collaborare con la Fondazione. Rammenta che questa è un’opportunità da non lasciarsi sfuggire, quella di poter diventare gli “attori principali” che col loro contributo si fanno interlocutori, “portatori di valori autentici”, tra Pubblica Amministrazione e quei giovani capaci di proporre e risolvere problemi ben più grandi di loro.

Come di consuetudine con le classi nuove, ci presentiamo proiettando il video sulla vita del Giudice Caponnetto ed illustrando quella che è l’eredità dal padre del pool che la Fondazione ha il compito di trasmettere.

Abbiamo ricordato il particolare valore dell’esperienza di Arezzo perché è caratterizzata dalla collaborazione e dall’impegno di soggetti diversi, nel più autentico spirito del progetto: la scuola coi suoi insegnanti ed il suo preside Luciano Tagliaferri, sempre attenti alla crescita civile delle propri ragazze e ragazzi; il corpo dei Vigili Urbani e le forze di Polizia; gli amministratori Comunali e Provinciali. La loro collaborazione ha permesso la realizzazione da parte di writers di opere in alcuni spazi loro riservati, opere autorizzate da una delibera del Consiglio comunale intesa a contrastare il degrado urbano.

All’incontro ha preso parte Luciana Tartaglia, responsabile della CGIL di Arezzo, che ha condiviso le proposte emerse dal dibattito.

Ha preso la parola Giulia Tofarelli che in giugno ha partecipato all’esperienza di Corleone. Ancora oggi dalle sue parole traspaiono il coraggio e la forza che ha colto nelle tante persone, giovani e meno giovani, che hanno fatto di Corleone, un tempo in mano alla mafia, città simbolo dell’antimafia. Va ricordato il costante impegno dell’Arci e della CGIL, impegno che Giulia ha potuto toccare con mano.

Ci fa gradita sorpresa il Dirigente Scolastico, che ringrazia la Fondazione per il suo contributo alla crescita degli studenti. Ci informa che da questa collaborazione è scaturita la scelta dell’istituto di programmare un’ora di lezione settimanale di “Educazione alla cittadinanza e Costituzione” in ciascuna classe. Tutto ciò ci rende fieri e ci sprona a sollecitare scelte conseguenti anche negli altri istituti aderenti al Progetto. Inoltre la Fondazione si impegna a farsi portavoce di questa idea presso il Ministero dell’Istruzione, forte del Protocollo di Intesa con lo stesso, e forte delle dichiarazioni del nuovo ministro prof. Profumo relative all’importanza della diffusione dei valori della legalità nella scuola.

Ci siamo dati appuntamento per il giorno giovedì 8 Marzo.



Editore Domenico Bilotta

Responsabile Nazionale Progetto Scuola


tutor@giovanisentinelledellalegalita.org

domenico.bilotta55@gmail.com

scuola@antoninocaponnetto.it

http://www.antoninocaponnetto.it

http://www.giovanisentinelledellalegalita.org

http://giovanisentinelle.blogspot.com/

Nessun commento:

Posta un commento