mercoledì 8 marzo 2017

Incontro con le giovani sentinelle di Agliana (PT)

Martedì 7 marzo l'appuntamento con le giovani sentinelle dell'Istituto Capitini è ad Agliana. Nella sala consiliare del Comune a dare il benvenuto a ragazze e ragazzi, è l'assessore all'Istruzione Luisa Tonioni che, nel suo saluto, ha voluto ringraziarli per il loro impegno a tenere viva l'attenzione su questioni di rilievo perché questo loro comportamento arricchisce la democrazia e la partecipazione.

La Fondazione ha ricordato l'articolazione del progetto e i suoi appuntamenti perché offrono l'opportunità di confronti diversi e a vari livelli con chi ha il governo della cosa pubblica, offrendo l'esperienza di guardare nel contempo i temi affrontati da punti di vista differenti e accrescendo la consapevolezza della complessità dell'agire politico che richiede ai cittadini e alle cittadine puntualità e chiarezza nel porre le questioni e nel prospettare delle soluzioni.

Lo scorso anno studenti e studentesse erano stati protagonisti di una felice esperienza: durante le vacanze pasquali avevano imbiancato la propria aula, coscienti sul valore della scuola e sull'essere custodi di beni che appartengono a tutti e quindi meritevoli di cura e di attenzione differenti dai ben individuali. Quella loro scelta era stata anche un'occasione per sollecitare compagni e compagne a fare attenzione agli spazi in cui si vive, tant’è vero quest’anno  altre classi seguono il loro esempio, e le istituzioni pubbliche a non scordarsi dei propri compiti.

Quest'anno la loro attenzione riguarda l'ambiente e, in particolare la raccolta differenziata  nella propria scuola. Hanno cominciato somministrando un questionario ai propri compagni e compagne per sondare i loro comportamenti cui hanno risposto in più di 400 su 600 studenti. L’elemento più interessante che è emerso è quello del consumo delle bottigliette di plastica, il cui dato finale, frutto del calcolo che si desume dalle risposte è di 93.600 bottigliette di plastica ogni anno solo nella propria scuola. Questo dato richiama l'analoga esperienza fatta al Liceo artistico Petrocchi di Pistoia qualche anno fa. Già in quel caso il numero delle bottigliette di plastica così incredibilmente alto suggeriva di intervenire a monte, offrendo un'alternativa, analogamente ad Agliana i giovani hanno prospettato l'installazione di un fontanella di acqua di qualità a scuola. In entrambi i casi l'alternativa proposta prevede la riduzione della produzione di rifiuti. L'altro corno del problema riguarda la differenziazione: a scuola sono presenti i contenitori per i diversi tipi di rifiuti, ma sono utilizzati poco e male. Da qui l'impegno di studenti e studentesse a farsi portavoce presso i propri compagni e compagne di un maggiore attenzione e diligenza nel distinguere, consapevoli che sia necessario l'impegno di ciascuno per modificare in profondità comportamenti e ottenere risultati tangibili e duraturi. Sono pure necessari altri cestini, ma il lavoro più grande da fare sarà quello di porre all'ordine del giorno dell'assemblea scolastica il tema e ricercare in quel contesto strumenti e modalità per essere efficaci.

Inoltre, si sono proposti di incontrare un ex consigliere comunale di Montale, comune a poca distanza da Agliana dove è in funzione un termovalorizzatore, e Fabio Arrigucci che ha brevettato una tecnologia per recuperare, dagli scarti tessili, materiali con cui produrre una nuova stoffa.

Il tema dei rifiuti richiama quello dello smaltimento e in particolare il loro incenerimento e i giovani hanno voluto porre l'attenzione sui rischi per la salute riprendendo i dati sull'aumento dei tumori.

Questo insieme di questioni ha costituito oggetto di un bel confronto con Luisa Tonioni che non ha mancato di rispondere su ogni punto: intanto ha apprezzato l'intendimento dei giovani ad intervenire e ad essere soggetti attivi e, per quanto riguarda il differenziare i rifiuti, ha ricordato che vi è una applicazione scaricabile sullo smartphone per avere risposte ad ogni dubbio relativo alla corretta collocazione di ciascun rifiuto.

Si è dichiarata interessata alla questione di come diminuire il numero delle bottigliette, ricorda che l'acqua a scuola è potabile, controllata quotidianamente dagli enti preposti. Pur riconoscendo la correttezza del dato, la Fondazione ha osservato quanto sia necessario prevedere, nell'edificio scolastico che la stessa sia gradevole. Di tutto ciò abbiamo esperienza nel nostro progetto grazie alle scuole di Pistoia, Pontedera e Viareggio che negli anni passati, in modi differenti e con proposte diverse, hanno sollecitato le rispettive amministrazioni a dotare gli edifici scolastici di fontanelle. 

Ha proseguito, Luisa Tonioni, informando i giovani di un tavolo che monitora i dati epidemiologici cui bisogna fare riferimento per avere notizie certe sulla questione, oltreché della possibilità di un bando unico nei comuni di Montale, Agliana e Quarrata per avere modalità uguali nella raccolta e ha invitato i giovani a scrivere al sindaco di Montale chiedendo anche di visitare il termovalorizzatore.

Il Comune di Agliana è attento alle istanze delle scuole del territorio, tant'è vero che è intervenuto più volte nel caso dell'Istituto Capitini nonostante non fosse di sua competenza e di questo impegno la Fondazione ha dato atto all'amministrazione locale. L'attenzione che ha mostrato per le scuole è rilevante in questo momento in cui le competenze delle province sono divenute incerte, perché non sappiamo cosa ne sarà delle province e a chi il legislatore affiderà le competenze.

La Fondazione ha segnalato più volte in passato l'insensatezza dell'abolizione delle province, aggravata dalla mancanza di un progetto complessivo di redistribuzione dei compiti fra gli enti territoriali e segue con attenzione l'evolversi di questa vicenda.

L'appuntamento di Agliana ha comunque offerto riflessioni e sollecitazioni di rilievo, innanzitutto mettendo intorno ad un tavolo giovani e amministrazione a discutere, come è stato evidente anche alla fine dell'incontro quando Luisa Tonioni ha proseguito nel confronto con i ragazzi e le ragazze che si attardavano a lasciare la sala. L'intendimento di coinvolgere sempre più la cittadinanza è meritevole della più grande attenzione e incoraggiamento, perché indica un modello di buoni esempi che dovrebbe essere diffuso sempre più, mentre la scuola ha deciso di mettere insieme in un opuscolo tutti i progetti che arricchiscono l'offerta formativa dando però rilievo particolare a quelli relativi alla legalità. L'opuscolo sarà distribuito in occasione degli open day. Infine fa piacer che il progetto delle Giovani sentinelle si trasformi in un contenitore di tante esperienze fra cui quella della festa della legalità, prevista nel prossimo mese di maggio a Pistoia. Tutte queste buone notizie saranno oggetto di approfondimento all'appuntamento con le scuole del territorio pistoiese del prossimo 11 maggio quando ci auguriamo saranno presenti tutti gli amministratori locali a fianco di studenti e studentesse per sottolineare l'importanza del confronto e il valore del protagonismo giovanile, importanza e valore che trarranno nuova forza anche dal condividere la mozione della Fondazione relativa al contrasto alla mafia, alla corruzione e all'evasione fiscale che, ci auguriamo, anche il Comune di Agliana vorrà votare e fare propria.

Editore Domenico Bilotta

Responsabile Nazionale Progetto Scuola

Nessun commento:

Posta un commento