mercoledì 19 marzo 2014

INCONTRO CON LE GIOVANI SENTINELLE DI MONSUMMANO TERME (PT)

INCONTRO CON LE GIOVANI SENTINELLE DI MONSUMMANO TERME (PT) Le Giovani Sentinelle giungono in terra di Pistoia, a Monsummano. Ragazze e ragazzi di prima, seconda e terza E della scuola media Giusti Gramsci insieme alle insegnanti e la Fondazione sono ospiti nella sala delle riunioni adiacente al teatro intitolato a Yves Montand. Studenti e studentesse erano già presenti al nostro arrivo e con le insegnanti, Benedetta Bartolomucce e Delia Dami erano intenti a provare i loro discorsi. Via via la sala si è riempita dei loro compagni e compagne, di tantissimi genitori e cittadini. Il sindaco, Rinaldo Vanni, il presidente del Consiglio comunale, Antonio Iglio, e Paolo Magnanensi, assessore provinciale all'Istruzione, presente a tutti gli incontri del progetto sin dai suoi esordi, hanno salutato i giovani e poi la Fondazione ha aperto i lavori dando la parola ai giovani. Hanno precisato subito che si sono divisi in due gruppi: il primo che si occupa del Padule e sono guidati dalla professoressa Bartolomucce, l'altro ha ripreso il tema dello scorso anno riguardo gli spazi verdi. Nel riproporlo emerge con chiarezza la tenacia e la decisione di non lasciar perdere quanto hanno portato all’attenzione lo scorso anno: una grande lezione per grande e piccini! Pur consapevoli delle difficoltà a reperire le risorse necessarie, come ci ha ricordato Giusi, si sono riproposti di individuare nel giardino del loro istituto un'area nella quale poter realizzare un giardino astronomico e questa prima mossa ha riscosso non pochi apprezzamenti. Hanno proseguito Sara, che ha ricordato come il 7 maggio 2013, quando è terminato il loro primo progetto Sentinelle, tutti si sono ripromessi di prendersi cura di alcuni giardini, e di rendere adatto e accogliente quello della loro scuola per farne il Giardino del sole. Valentina Giuliana e Raffaele si sono dilungati ad illustrarne le caratteristiche. Il parco astronomico avrà la funzione di divulgare astronomia e scienze con semplici strumenti e questa attività avrà un indubbio compito di arricchimento culturale per giovani e adulti. In questa opera è importante il contributo offerto dall'associazione Astrofili della Valdinievole. In particolare grazie all'aiuto di Alberto Suci, presidente dell'associazione, è stato possibile progettarlo. Durante l'anno scolastico si sono svolti alcuni incontri con astrofili, Dirigente scolastico, insegnanti e Sindaco per mettere a punto la propria proposta. Alla fine, Raffaele illustra i modellini preparati con le loro caratteristiche e le loro funzioni. Alberto Suci, ha ulteriormente chiarito il progetto che serve a spiegare come vediamo il Sole dalla Terra nelle varie stagioni dell'anno grazie all’uso di questi strumenti. È toccato poi a quelli più grandi di seconda e di terza che hanno introdotto un video, bellissimo e girato con padronanza del mezzo da fare invidia ad una agenzia turistica, con il quale hanno raccontato il Padule, questo esteso spazio di origine paludosa che lambisce il territorio comunale, parco naturale ed ecosistema da salvaguardare, luogo straordinario della biodiversità, elemento quest'ultimo che spesso sfugge ai profani per la sua importanza della vita stessa, mentre hanno rilevato grazie alle foto che in alcune zone vi è abbandono, degrado e trascuratezza che hanno trasformato parte del Padule in una vera e propria discarica, in netto contrasto, come ha testimoniato un cittadino rievocando il suoi ricordi, con il luogo dove era possibile fare il bagno ed era ricco di lucci e altri pesci pescati in abbondanza. Il Padule racchiude inoltre memorie storiche in quanto è stato teatro di un eccidio nazista durante la guerra di Liberazione. Questi giovani cittadini vogliono porre all'attenzione di tutti la salvaguardia del Padule affinché non divenga discarica e preludio a lugo di sversamento di rifiuti pericolosi. Né tantomeno prevedere l’utilizzo delle acque del Padule per le industrie conciarie e al contempo incanalare verso il Padule i corsi d’acqua che ne stravolgerebbero il fragile ecosistema creatosi nei secoli. Paolo Magnanensi ha offerto le sue riflessioni sollecite e penetranti, apprezzando la concretezza del progetto, la passione civile di questi giovanissimi impegnati ad occuparsi di quanto attiene alla nostra convivenza civile nel segno delle regole. Ricorda l'importanza dei buoni esempi, il miglior insegnamento per ragazzi e ragazze. Il progetto delle Giovani sentinelle richiede fatica per le Istituzioni stesse, ma se sviluppiamo questa attitudine al confronto e alla discussione ne verrà un gran beneficio per tutti. Torna a sottolineare il tema della memoria, quella dell'eccidio dell'agosto del 1944, che invita tutti alla riflessione affinché non avvengano mai più eccidi. Ricorda a tutti l’appuntamento del prossimo 9 maggio a Pistoia per la Marcia della legalità e della memoria promossa da Provincia e Comune di Pistoia e dalla Fondazione Caponnetto. Ha preso la parola il sindaco,Vanni Rinaldi, che ha voluto soffermarsi su questa collaborazione fra scuola e amministrazione sui giardini, segno di una maturità che fa ben sperare per quanto riguarda altri comportamenti dei cittadini: la raccolta differenziata dei rifiuti cresciuta significativamente e la sempre più rara cattiva abitudine di lasciare rifiuti per strada, o l'abbandono degli animali. In chiusura i giovani hanno richiesto con insistenza che il giardino della propria scuola fosse intitolato a Marcello Michelotti, già insegnante della scuola e amico della Fondazione. A giugno, in occasione della festa della scuola, il Comune si è impegnato all'intitolazione insieme con la scuola. Ci siamo dati appuntamento per il mercoledì 14 maggio in Provincia. Editore Domenico Bilotta Responsabile Nazionale Progetto Scuola Via Baldasseroni, 25 - 50136 Firenze Tel. e fax 055 2478574 cell. 333 4875190 tutor@giovanisentinelledellalegalita.org domenico.bilotta55@gmail.com scuola@antoninocaponnetto.it http://www.antoninocaponnetto.it http://www.giovanisentinelledellalegalita.org http://giovanisentinelle.blogspot.com/

Nessun commento:

Posta un commento