sabato 15 novembre 2014

I giovani sentinelle sbarcano in Laguna

Venerdì 14 altri due doppi incontri in Toscana e in Veneto Alle ore 8,15 è la volta del liceo ginnasio Bruno-Franchetti di Mestre. Ad attenderci una classe quarta con l'insegnante referente Alessandra Artusi. Veniamo accolti da venti radiosi ragazzi, che son riusciti a rimanere al massimo dell'attenzione senza mai accennare alcun cedimento. Sensibilità, calore e stupore hanno accompagnato questi ragazzi per tutto il tempo. Dopo la consueta presentazione, seguita dal filmato, si è passati alla presentazione della disciplina "CITTADINANZA E COSTITUZIONE"; in tale contesto si è evidenziato la responsabilità in capo ad ogni cittadino di rendersi partecipe ed attivo nella creazione e nel mantenimento della propria comunità, difendendone i valori e i principi duramente realizzati e conquistati. Di seguito si entra nel merito del progetto: vengono spiegati i passaggi salienti, che consistono prima nella scelta di un argomento che sta particolarmente a cuore e per il quale si vorrebbe un mutamento o miglioramento, e quindi lo studio e l'approfondimento dello stesso con alla fine la formulazione di adeguate soluzioni. Saluti finali, entusiasmo e appuntamento a venerdì 28 marzo alle ore 16,30 presso la sala consiliare di Venezia. Giusto il tempo tecnico del trasferimento in laguna dove ci aspettano le ragazze e i ragazzi dell'Istituto di Istruzione Superiore Algarotti di Venezia con la dirigente Marina Perini e l'inaspettata presenza del Questore, dott.Angelo Sanna. Una silenziosa scolaresca formata da quattro classi quarte ascolta con interesse e stupore all'introduzione e alla visione del filmato. A questo segue l'intervento accorato del Questore che non risparmia parole di stima e apprezzamento sull'operato dei togati palermitani nelle persone speciali dei giudici Falcone, Borsellino, Caponnetto. Purtroppo il tiranno tempo non ha dato la possibilità di spiegare in modo esauriente gli step dell'intero progetto, ma ci consola la presenza della responsabile di zona e l'esperienza del precedente anno scolastico che ci permetterà di affrontare la prosecuzione del progetto. Ha concluso Thomas Pavoni, ex studente in uscita lo scorso anno che con il proprio elaborato rappresentante la piaga sociale del gioco d'azzardo, ha dato lustro all'Istituto aggiudicandosi un riconoscimento del Comune di Venezia.

Nessun commento:

Posta un commento